GIORDANIA GUIDE I MIEI VIAGGI MEDIO ORIENTE

Giordania in tre giorni: la guida smart

Chi non ha sognato negli ultimi anni di visitare l’affascinante territorio della Giordania?

Oggi per noi europei è davvero facile raggiungerla, grazie alle numerose offerte delle compagnie low-cost. Il vero problema oggi non è il costo, ma il tempo!

Quanti giorni servono per visitare la Giordania?

Partiamo dal presupposto che di ogni posto visitato non conosceremo mai abbastanza, e la Giordania è sicuramente in questa lista. Però vi assicuro che, anche solo per una toccata e fuga, ne vale la pena!

Non so quanti giorni effettivamente servano per visitare tutti i punti rilevanti, ognuno organizza in base alle proprie esigenze.

Nel mio caso ho voluto toccare i tre punti salienti di ogni vacanza: relax, cultura, avventura.

Ecco di seguito il mio itinerario

 Tour di 3 giorni in Giordania

GIORNO 1 –  AQABA

La giornata inizia con colazione vista mare, per poi distenderci con una gradevolissima vista sul Mar Rosso. La sera giro in città, cena tradizionale, narghilè e dolcetti! Aqaba è una città moderna, viva. Una perfetta fusione tra la Giordania classica e il lusso occidentale fuso alla bellezza che solo l’architettura orientale può regalare, ha infatti una zona interamente dedicata ai Resorts delle catene alberghiere più rinomate al mondo rivisitati in chiave medio orientale.

Sicuramente non pecca di servizi, sono tante le cose da fare ad Aqaba: può davvero soddisfare il turista sotto tutti gli aspetti, che sia alla ricerca del tradizionale o della modernità. Ecco, ancora non mi spiego perchè prima di partire ci abbiano sconsigliato di soffermarci qui. Vedere un paese non è solo visitare i monumenti del passato, è interagire con la gente del posto e osservare come viene vissuta la vita di tutti i giorni, in città, osservandone il presente. Se per dormire abbiamo optato per una sistemazione comfortevole, per mangiare ci siamo lasciati trasportare dal flusso dei locals. Cosa mangiare ad Aqaba? Se come me non mangiate carne, non avrete grosse alternative. Per mangiare vegetariano in Giordania dovrete arrendervi alle creme di legumi (hummus, moutabal, babaganoush) e il labneh – una specie di yogurt, sempre accompagnati da un tipo di pane molto simile alla Pitta greca.

GIORNO 2 – PETRA 

La meravigliosa Petra, vi sfido a non restare ammaliati da tanta maestosità. Avendo pochi giorni a disposizione abbiamo optato la soluzione più veloce per raggiungerla entro un orario che ci permettesse di sfruttare tutta la giornata, così ci siamo mossi con un driver ancor prima dell’alba.

Come arrivare a Petra da Aqaba: la soluzione economica è senza dubbio la corriera, con partenza del porto alle 8.00. Adottando questa situazione aspettatevi però la calca di turisti delle crociere.

Da Petra al Wadi Rum: Quale campo beduino scegliere? Noi ne abbiamo scelto uno semplice, con pochi comfort. Non avevamo grosse pretese se non svegliarci in mezzo al deserto. Comunque, per la nostra prima e unica notte non siamo stati fortunatissimi: avvolti dal vento e dal freddo, eravamo pronti all’escursione termica, ma non la immaginavamo così! Un consiglio spassionato: cosa indossare per una notte nel deserto? Sicuramente abbigliamento termico, da montagna!

GIORNO 3 – WADI RUM

L’ultima tappa del viaggio, la valle. Finalmente siamo nel Wadi Rum. Prenotare un tour nel deserto è facile, tutti i camp sono attrezzati e vi faranno le loro offerte: potete trattare sul posto!

Il Wadi Rum viene anche chiamato Valle Della Luna (Wadi Al-Qamar) presenta alcuni canyon che custodiscono incisioni rupestri dell’epoca dei Thamudeni, un popolo arabo pre islamico! Inoltre, questo meraviglioso paesaggio si è prestato da location per numerosi film, tra i quali ricordiamo Lawrance d’Arabia Star Wars, e il più recente disney’s Aladdin.

Quanto dura il tour nel Wadi Rum? Dipende dal tempo che si ha a disposizione! Nel nostro caso i tempi erano ristretti, e dopo 6 ore di tour in jeep, siamo volati via, senza averlo potuto esplorato tutto!

Insomma, fare un tour di 3 giorni in Giordania è una corsa contro il tempo, ma non è impossibile, con la giusta organizzazione!

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *