EUROPA GUIDE I MIEI VIAGGI PHOTOGALLERY SPAGNA

VALENCIA: COSA VEDERE, COSA MANGIARE, E 4 RAGIONI PER AMARLA

Sarà che noi italiani consideriamo gli spagnoli nostri “cugini”, e visitare la loro terra è come sentirsi a casa, ma personalmente della Spagna non mi stancherò mai.

Sono stata svariate volte a Ibiza, Madrid e Barcellona, ma solo pochi mesi fa ho avuto il piacere di visitare la terza città più importante del Paese spagnolo: Valencia!

Ho deciso quindi di evidenziare per voi quattro punti essenziali per visitarla, e immediatamente amarla!

  1. La paella: il piatto-simbolo del Paese è nato qui, e si sente! La Paella qua è deliziosa in tutte le sue varianti, non  per niente si parla di Paella Valenciana, a questo punto mi sento di consigliarvi uno dei migliori ristoranti a condizione famigliare in cui potrete imbattervi, La Paz: si trova nel lungomare della Playa Malvarrosa, e vi assicuro che potrete assaporare il meglio del pesce e della cucina tipica!
  2. La città: potremmo considerarla a misura d’uomo, se messa a paragone con le più grandi Madrid e Barcellona. Non per questo però pecca di servizi. Fornitissima, qualsiasi cosa stiate cercando, piena di vita, universitaria, con una criminalità piuttosto bassa. Diversi italiani emigrati con cui ho potuto conversare hanno dichiarato di sentirsi tranquilli a qualsiasi ora del giorno, e della notte. E’ quindi una meta adatta anche alle viaggiatrici solitarie. Alloggiare nei pressi della Plaza Del Ayuntamiento è l’ideale per visitare tutte le zone della città, qui passano i bus a qualsiasi ora, a pochi passi da ristoranti di ogni tipo, negozi, starbucks, e dal Mercato Centrale, dove troverete oltre 900 bancarelle di cibo fresco: qua ne ho ovviamente approfittato per fare i rifornimenti di frutta! La via più autentica della città? Sicuramente Barrio del Carmen.
  3. La cultura: non mancano ovviamente i monumenti, d’altronde se si pensa a Valencia la prima immagine che ci viene in mente è il complesso di strutture della Città delle Arti e delle Scienze, opera dell’architetto Santiago Calatrava, dove troverete l’Oceanografic, l’Umbracle, il Palazzo delle Arti, il Museo della Scienza e l’Hemisfèric. Da buon territorio cattolico non manca una maestosa Cattedrale, importante perché pare al suo interno custodisca il calice che Gesù bevve nella sua Ultima Cena.
  4. La natura: la città ha la sua spiaggia più mondana, la Malvarrosa, ma a circa 15 minuti di macchina sarà possibile raggiungere una spiaggia più suggestiva e selvaggia per gli amanti della natura: El Saler. Sempre a pochi km dalla città, troverete un romantico paesaggio fronte lago nel Parco Naturale dell’Albufera.

Non ci sono più dubbi: Valencia non può non essere visitata. Dedicatele almeno 4 giorni, e se volete viverla al meglio, sceglierei le mezze stagioni!

Vi ho convinto?

Prima di lasciarvi qualche altra curiosità sulla città, vi mostro alcune foto nelle location più instagrammabili di Valencia

Playa de la Malvarrosa:

Plaza de l’ayuntamiento

Plaza de Toros

Mercado Central

Ciutat de les arts i les Ciències

 Dove mangiare la Paella a Valencia: Ristorante La Paz

IL BIOPARCO: Ho preferito non menzionare il Bio Parc, perché per quanto possano essere certificati i metodi di tutela degli animali, sono convinta che l’unico vero modo per osservarli dovrebbe essere nel loro habitat naturale, non riprodotto. Chiaramente non si può paragonare ai metodi dei circhi, ma non sono nemmeno considerabili un inno alla libertà, ecco. Sono quindi pro-safari, e se non ne avete il coraggio, limitatevi a National Geographic!.

Mangiare Italiano a Valencia

Se a pochi giorni di viaggio avete già nostalgia dei sapori italiani il ristorante San Tommaso fa per voi: non ha davvero nulla da invidiare a un piatto servito in Italia, in un vicolo a pochi passi da Plaza de l’ayuntamiento, è tra l’altro una location decisamente romantica.

Mangiare Indiano a Valencia

Bharat: ormai sapete della mia passione per il cibo indiano, ed essendoci stata, so sicuramente distinguere una cucina riadattata da una più tradizionale. Qua è tradizionalissima, ed un punto in più lo da sicuramente la gentilezza del personale. Piacevolmente sorpresa, grazie a questo posto sono riuscita a far piacere le pietanze indiane al mio fidanzato!

 

 

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *